oshotimes

Benvenuti all’Osho Times in rete

La rivista interamente dedicata alla visione di Osho che da più di trent’anni ti porta a casa l’arte della meditazione

Il primo numero di Osho Times è uscito nel lontano 1988... a quel tempo era un tabloid di una trentina di pagine, perlopiù la traduzione del corrispondente in inglese. Negli anni si è evoluto molto... Fino all’elegante rivista dei nostri giorni.

La rivista stampata resta il nostro impegno principale per comunicare la visione di Osho nel modo più variegato, immediato e (negli anni) completo possibile, in questo viaggio senza fine che è l’evoluzione dell’individuo nelle parole di Osho.

Sulla rivista – e se ancora non ti è capitato di sfogliarne una approfittane per leggerla qui on-line – affrontiamo mese per mese temi molto vari legati alla meditazione, alle relazioni, ai diversi percorsi di crescita personale, ai diversi paesaggi che si incontrano nel misterioso viaggio interiore. E ogni volta sia con esperienze di vita vissuta, che con brani di Osho rari e inediti.

Qui in rete ne trovi un assaggio, aggiornato ogni due settimane con nuovi articoli e un editoriale inedito.

Buona esplorazione quindi!

L' Editoriale

Sono incappato l’altra sera in tv nel finale di un vecchio film di fantascienza. Era giocato su un cliché di tanti film simili: un essere che si nasconde dentro a un altro essere. In questo caso era un misterioso alieno buono molto più grande dell’ometto che lo conteneva. Era lì nascosto da 40 anni, in attesa di poter essere d’aiuto all’umanità.
Quando ho visto il grande essere espandersi fuori dall’ometto e finalmente poter essere d'aiuto in una situazione pericolosa, mi son trovato a pensare: “Chissà che sollievo potersi finalmente distendere ed espandere in tutta la sua potenza dopo essere rimasto per anni lì compresso, inutile e impotente, in uno spazio angusto”.
Deve essere stata un bella gioia…
Lo so che ti farà ridere, ma mi ha ricordato come ogni tanto mi sento io in meditazione! Ahahaha…

È come se ci fosse qualcosa, lì dentro, di molto grande e misterioso che spinge per trapelare, manifestarsi, espandersi, esplodere fuori dal piccolo guscio che sono io nella mia normale esistenza.
E ogni tanto per fortuna succede. O spontaneamente, o con una tecnica specifica. Come quando ho partecipato di recente, durante uno dei nostri eventi Osho Experience, a una meditazione guidata tratta dal Vigyan Bhairava Tantra, “Expand in all directions”. Mi sono accorto che è una cosa naturale e davvero a un passo da me: basta un niente per uscire dal guscio. E che gioia!
Sì, l’espansione è pura gioia.


Gurdjieff



Nella nostra vita quotidiana siamo sempre alla ricerca della gioia in quello che facciamo e viviamo. Può essere la gioia di un pranzo in compagnia, di un po’ di shopping, un aumento di stipendio, un viaggio, una corsa nei prati…
Le diamo sempre un nome e una causa: c’è un obiettivo che una volta raggiunto ci regalerà un momento di gioia. E siamo sempre in grado di spiegare come mai ci sentiamo così, cosa ha scatenato la gioia dentro di noi.

​Con Osho ho scoperto una dimensione della gioia che non avevo mai considerato: è possibile essere pieni di gioia senza alcun motivo...

Articoli

Il corpo questo sconosciuto

Le ferite rimangono nella memoria del corpo

Da un articolo di Deepti Canfora
apparso sulla rivista Osho Times

 

Touch Dance

Mentre la mente è spesso contraddittoria e sfuggevole alla nostra osservazione, il corpo è sempre a portata di mano, visibile, percettibile, palpabile e, quindi, strumento principe per iniziare a conoscersi.

Lasciare parlare il corpo dà la possibilità di entrare in contatto sia con ciò che percepiamo e pensiamo, sia con ciò che sfugge alla nostra osservazione, portando in superficie ricordi rimossi, traumi ed emozioni sopite.

Le nostre percezioni e i nostri pensieri sono influenzati dalla cultura di appartenenza, dalla educazione impartita, dalle esperienze vissute...

Fai ardere la candela della tua vita...

...da entrambe le estremità! 
​Osho tocca uno dei fondamenti della religione tradizionale
 

Un raro brano di Osho
apparso sulla rivista Osho Times



La vita deve essere vissuta per poterla conoscere.
E se vivi la tua vita senza alcuna inibizione, senza paure…
Non c’è niente di cui avere paura: è la tua vita.
La vita ti è stata data affinché tu la viva.
È un dono che hai ricevuto dalla natura. Non è una punizione, è un regalo dell’esistenza.

 

Osho


Gioisci in essa e fai ardere la candela della tua vita da entrambe le estremità. Vivi il più intensamente possibile e il sapore stesso della vita ti farà sentire perché la morte non deve essere temuta. Se hai conosciuto la tua vita, il suo fuoco, saprai che la morte non esiste.
La vita che arriviamo a conoscere attraverso l’intensità del vivere è eterna…